Fattore campo confermato in Gara 1 di Quarti di Finale del Tabellone Argento con la Novipiù JB Monferrato che esce sconfitta dal PalaMangano con il punteggio di 76-51. Doppia-doppia (17+11) per Leo Okeke. Tra quarantotto ore i ragazzi di coach Valentini saranno di nuovo in campo per Gara 2.

La partita si sblocca grazie al long-two di Sarto che porta in vantaggio la JBM dopo 1’ di gioco (2-0). Si sblocca anche Scafati grazie al 2+1 di Cucci (4-3). Okeke schiaccia nel canestro della Givova il quinto e il sesto punto della Novipiù (6-3). Partita nervosa con le due squadre che non riescono a trovare la via del canestro per oltre due minuti, ma ci pensa Clarke con la tripla a ristabilire la parità (6-6). Monaldi trova la tripla del primo vantaggio scafatesi (9-8 a 4’ dalla prima sirena). Okeke trova il jumper del -1 (11-10). I liberi di Leggio danno la nuova parità ai rossoblu (12-12 ad 1’ dalla fine del primo quarto). Si va alla prima pausa sul 16-12 per la Givova Scafati.

Il secondo periodo si apre con il lay-up di Rossato che porta Scafati sul +6 prima che Okeke trovi il 2+1 che riavvicina ad un solo possesso pieno la JBM (18-15). I tre tiri liberi sempre di Rossato riportano la squadra di coach Rossi sul +6 (23-17 dopo 3’ di secondo quarto). Hill-Mais trova il suo primo canestro dal campo e riavvicina la JBM (26-19). Cournooh fa 1/2 ai liberi e la Givova va sul +8 (29-21) a metà secondo periodo. Sempre Cournooh trova il canestro in contropiede che vale il primo vantaggio in doppia cifra della serata (31-21) e coach Valentini ferma la partita con il time-out. In uscita dal time-out un parziale di 6-2 in favore della JBM la riavvicina sul -6 (33-27). Si va all’intervallo lungo sul punteggio di 37-30.

Al rientro dalla pausa lunga la JBM trova la prima tripla della serata con Fabio Valentini che riporta i suoi a -4 (37-33). La Novipiù trova il canestro con continuità grazie a Sarto, ma De Laurentiis gli risponde (41-36). Monaldi infila la tripla del nuovo +9 Scafati (45-36 a 6’30” dall’ultima pausa). Ancora Monaldi segna da tre punti (48-36) e coach Valentini ferma la partita con il time-out. Dopo la sospensione viene fischiato un antisportivo a Fabio Valentini che Scafati capitalizza con 3 punti (51-36), ma dall’altra parte Ghirlanda trova il canestro del -13 (51-38 a 3’ dalla fine del quarto). Due triple in fila di Clarke scrivono il massimo vantaggio di serata (57-38). La Novipiù confeziona un parziale di 5-0 che la riporta sul -14 (57-43) che è anche il punteggio con cui si chiude il terzo periodo.

L’ultimo periodo si apre con il primo canestro della partita di Mobio (60-43). Okeke trova il dumper del -19 (64-45 a 7’ dall’ultima sirena). L’alley-oop di Daniel scrive sul tabellone il massimo vantaggio di serata in favore di Scafati (68-45 a metà ultimo quarto). Nella seconda metà del periodo c’è spazio anche per Sirchia e Okeke trova il jumper del -20 (69-49). Negli ultimi due minuti di partita si svuotano le panchine di entrambe le squadre, con Sirchia che trova il canestro, ma la partita finisce 76-51 e Scafati si porta 1-0 nella serie.

Givova Scafati – Novipiù JB Monferrato 76-51 (16-12, 37-30, 57-43)

Givova Scafati: Mobio 11, Daniel 11, Grimaldi, Perrino, Parravicini, De Laurentiis 9, Clarke 11, Rossato 10, Cournooh 7, Monaldi 9, Cucci 7, Ikangi 1. All.: Alessandro Rossi.

Novipiù JB Monferrato: Sarto 7, Valentini F. 3, Valentini L. NE, Formenti 2, Sirchia 2, Lomele, Okeke 17, Ghirlanda 5, Leggio 9, Hill-Mais 6. All.: Andrea Valentini.

Il commento di coach Andrea Valentini: “Il punteggio è di 1-0 e non 76-51, perché nei playoff il punteggio conta relativamente. Per tre quarti siamo riusciti a stare in partita poi abbiamo avuto un vistoso calo fisico dovuto alla situazione visto che stamattina abbiamo perso Martinoni e Williams e speriamo di recuperarli per Gara 3, ma non dipende da noi. Da questo punto di vista abbiamo perso due dei nostri fari dal punto di vista offensivo, però comunque per ventisette minuti abbiamo fatto una buona partita, finché le energie fisiche ce lo hanno permesso. Onestamente con 24 palle perse è impensabile poter giocare punto a punto a Scafati, soprattutto per la completezza del roster che ha allestito Scafati e buttar via dei palloni vuol dire dar loro ossigeno. Abbiamo costruito degli ottimi tiri da tre punti durante la partita che però non abbiamo segnato e questo è il motivo per cui abbiamo segnato 51 punti. Abbiamo fatto una buona partita in difesa, limitando quei giocatori che nel corso del campionato hanno segnato tanti punti. Adesso dobbiamo recuperare un po’ di energie fisiche e mentali, ma siamo qui e vogliamo provare a mettere in difficoltà Scafati e abbiamo le possibilità di farlo: in Gara 2 cercheremo di limare le palle perse e di difendere un po’ di più il nostro canestro”.